Come cambia l’editoria nell’era del Web? Se ne parla il 29 giugno a Viterbo Scienza & Tech

Come cambia l’editoria nell’era del Web? Se ne parla il 29 giugno a Viterbo 3
Come cambia l’editoria nell’era del Web? Se ne parla il 29 giugno a Viterbo
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)
Plusone Facebook Pinterest Twitter Email
Come cambia leditoria nellera del Web? Se ne parla il 29 giugno a Viterbo.

Quest’anno la sesta edizione della manifestazione “Caffeina Cultura”, che si aprirà nel weekend a Viterbo, sarà più interessante che mai e non solo perchè si vivranno due settimane intense di incontri con scrittori e giornalisti, imprenditori, personaggi del mondo della televisione e della politica, dibattiti, anteprime nazionali, concerti e spettacoli, ma anche perchè sarà sede di una tappa ufficiale del Premio Strega per la presentazione dei finalisti il giorno prima della finale e del vincitore il giorno dopo la proclamazione. Particolarmente interessante sarà l’incontro di apertura dell’evento venerdì 29 giugno intitolato “Dalla galassia Gutemberg alla nebulosa Jobs: come cambia l’editoria nell’era del web” che vedrà protagonisti del dibattito Peter Gomez – co-fondatore de Il Fatto Quotidiano e direttore de ilfattoquotidiano.it, Andrea Scanzi – Giornalista, scrittore, autore teatrale, Eleonora Bianchini – giornalista, scrittrice, redattrice web de Il Fatto Quotidiano e Gianluca Cozzolino – imprenditore, fondatore e ceo di Ciaopeople, società editrice di fanpage.it.

Come avrete capito dal titolo del dibattito si parlerà certamente di una delle questioni più discusse degli ultimi mesi in Italia, ovvero l’avvento della nuova editoria digitale nel nostro paese. Interessante e ricca di spunti sarà la discussione sulla crisi dell’editoria tradizionale e del suo graduale passaggio al web così come l’importanza dei social media per lo sviluppo dell’informazione, senza dimenticare l’importanza della verifica delle fonti e la professionalità dei giornalisti.

Tutte tematiche molto calde ma che potrebbero portare finalmente a un punto d’incontro tra due modelli di giornalismo che in questi mesi hanno vissuto un vero e proprio dibattito culturale che dovrà prima o poi concludersi: da un lato l’editoria tradizionale e dall’altro l’editoria online, il classico dualismo carta e web che finora aveva senso di esistere poiché si rivolgeva a utenti diversi, per età e interessi. Ora però la forbice delle differenze si stringe, infatti secondo gli ultimi dati Audiweb il numero di italiani che si connettono ad internet è in costante crescita – nel mese di aprile 2012 si sono connessi ben 28,6 milioni di utenti (+7,6% rispetto allo stesso periodo del 2011) con un aumento del 5,8% di media nel quotidiano che corrisponde a 13,8 milioni di italiani che in media si connettono al giorno. Insomma ogni giorno aumentano gli italiani che si collegano al web, di conseguenza aumenta la loro fiducia nello strumento e la propensione a informarsi online piuttosto che sui media tradizionali che tuttavia, anche a causa anche un’età media della popolazione molto alta, sono ancora molto utilizzati dai cittadini italiani.

Pensate che anche Mark Johnson, giovanissimo community editor dell’Economist, intervenuto all’ultima edizione del Festival del Giornalismo, ha fatto addirittura un passo avanti proclamando che non sempre vecchio e nuovo devono entrare in conflitto, che la distinzione tra i due modelli di editoria potrebbe non avere più senso di esistere e che addirittura potrebbero aiutarsi a vicenda rappresentando l’un per l’altro un’importante opportunità di crescita. Insomma il digitale non solo potrebbe non uccidere il cartaceo ma potrebbe trainarlo verso una ripresa economica: “più forza alle redazioni del web, concentrazione sulla qualità per l’editoria cartacea.”

E chi meglio di due tra i protagonisti dell’editoria cartacea e dell’editoria online come Peter Gomez e Gianluca Cozzolino, coadiuvati da due giornalisti che hanno saputo interpretare al meglio il passaggio dalla carta al web come Andrea Scanzi ed Eleonora Bianchini, potrebbero affrontare questo interessante e delicatissimo dibattito? Da un lato Gomez che con IlFattoQuotidiano ha saputo interpretare al meglio la sfida dell’integrazione tra cartaceo e digitale, dall’altro lato Cozzolino che con Fanpage ha puntato il tutto e per tutto sull’informazione digitale e totalmente integrata sui social media. Sarà certamente un bell’incontro.

Link utili:

qui troverete il programma completo dell’evento Caffeina Cultura
qui potrete prenotare un posto al dibattito inaugurale “Dalla galassia Gutemberg alla nebulosa Jobs: come cambia l’editoria nell’era del web”
qui la prevendita di tutti gli incontri in programma

Source Article from http://tech.fanpage.it/come-cambia-l-editoria-nell-era-del-web-se-ne-parla-il-29-giugno-a-viterbo/

Plusone Facebook Pinterest Twitter Email
Come cambia l’editoria nell’era del Web? Se ne parla il 29 giugno a Viterbo
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)