Brindisi, ecco il complice dell’attentatore Economia, Società

Brindisi, ecco il complice dell’attentatore
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)
Plusone Facebook Pinterest Twitter Email

Cosimo Parato, l’uomo ferito da un altro ordigno di Vantaggiato nel 2008, svela agli inquirenti un nome

Brindisi, ecco il complice dell’attentatore 3

Melissa Bassi

Indicazioni dettagliate sul complice che avrebbe aiutato Giovanni Vantaggiato a realizzare l’ordigno scoppiato lo scorso 19 maggio dinanzi all’Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi sarebbero state fatte da Cosimo Parato, l’imprenditore che nel 2008 scampò ad un altro attentato, anche questo confessato dal 68enne di Copertino. 

Parato, che è stato interrogato venerdì scorso dal pm di Brindisi Milto De Nozza alla presenza del suo legale, avrebbe fatto un nome e gli investigatori starebbero ora cercando riscontri alle sue affermazioni.

Inoltre il 47enne avrebbe anche fatto riferimento ai propri rapporti d’affari con l’azienda di proprietà della famiglia Vantaggiato, che – a suo dire – avrebbe avuto anche legami, nell’ambito delle forniture di carburante, con Mesagne, città di Melissa e delle altre studentesse ferite. Quanto alla presenta truffa da 343 mila euro da lui commessa e che secondo Vantaggiato sarebbe il movente della strage di Brindisi, Parato si è detto estraneo a qualsiasi ipotesi fraudolenta, non negando infine di aver in passato gestito insieme con il killer operazioni non del tutto regolari. Vantaggiato, reo confesso, è in carcere con l’accusa di strage con finalità terroristiche.

«E’ una notizia destituita di ogni fondamento», ribatte però Raffaele Missere, avvocato di Parato, che smentisce le indiscrezioni trapelate dall’interrogatorio e aggiunge di non aver sentito le presunte affermazioni del suo assistito, condannato nell’aprile scorso in primo grado dal Tribunale di Brindisi per una presunta truffa ai danni di Vantaggiato.

Intanto Veronica Capodieci, amica di Melissa Bassi e anche lei gravemente ferita nell’esplosione, ieri è finalmente uscita dal Centro ustioni di Pisa dove era ricoverata dal 24 maggio scorso. La sedicenne, che ha subito cinque interventi chirurgici in sette settimane, ha visto in Tv il volto dell’attentatore, ha seguito i notiziari e le cronache di quella follia. «Sì ha visto Vantaggiato – ha raccontato il dottor Di Lonardo – e ha detto solo che non sa spiegarsi il perché abbia potuto fare una cosa simile. Ma lei è una ragazza forte, che sa e vuole guardare avanti ».

Plusone Facebook Pinterest Twitter Email
Brindisi, ecco il complice dell’attentatore
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)