Figo: “il ciclo dell’Inter è finito”




L’ex stella nerazzurra: “le generazioni non sono mai uguali e si sta lavorando per tornare a essere quella squadra che l’Inter è stata negli ultimi anni”
Figo: “il ciclo dell’Inter è finito” 1

Luis Figo

“Il ciclo dell’Inter che ha vinto tutto è finito. Ora bisogna ricominciare e ci vuole tempo”. Parola di Luis Figo, uno dei più grandi fuoriclasse che hanno fatto la storia nerazzurra, ieri protagonista in campo e oggi attivo invece nei quadri dirigenziali del club di Massimo Moratti.  

In piazza Duomo è andata in scena la prima tappa dello Uefa Champions League Trophy Tour e osservando le immagini dell’Inter campione d’Europa del 2010 sembrava notevole la distanza con i nerazzurri di oggi. “Le generazioni non sono mai uguali, si è finito un ciclo vincente e si sta lavorando per tornare a essere quella squadra forte e vincente che l’Inter è stata negli ultimi anni – ha osservato Luis Figo, oggi “ministro degli esteri” della società nerazzurra -. Ci vuole pazienza”.

Prima che fosse affidata ad Andrea Stramaccioni nei mesi scorsi il nome del portoghese è stato accostato spesso alla panchina nerazzurra, ma il diretto interessato nega. “No, mai me l’hanno chiesto, giuro, non è mai stata un’opzione ma solo rumors – ha chiarito Figo -. Al momento non penso ad allenare, comporta troppo stress. Dopo 20 anni da calciatore ho bisogno di tempo per me, per la mia famiglia, per crescere i miei figli. Sono curioso di sapere se ho le qualità per gestire un gruppo, e mi piacerebbe farlo con il Portogallo o con l’Inter. Ma fra la curiosità e la realtà il passo è lungo”.

“Quanto manca all’Inter la Champions? Molto, in termine di prestigio e di finanze, ma stiamo giocando l’Europa League e dobbiamo sfruttarla”, ha risposto Figo, che guarda con un certo ottimismo anche al campionato: “Parlare di pronostici non conta, bisogna dimostrare in campo. L’Inter gioca sempre per vincere quindi bisogna sempre tenere in conto la nostra squadra”.

Immagine anteprima YouTube