Ricerca petrolifera: il vero contributo dei geologi Economia, Società

Ricerca petrolifera: il vero contributo dei geologi
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)
Plusone Facebook Pinterest Twitter Email




Chiunque vive sul territorio deve difendere le risorse vitali per l’assetto socio-economico. Se le attività sono incompatibili, come oggi in Basilicata, i cittadini allora devono “urlare” per superare i rumori delle trivelle
Ricerca petrolifera: il vero contributo dei geologi 3

la ricerca di petrolio

Molti geologi, ricercatori e docenti di fama sono convinti che per “georisorse” si intendano le risorse minerarie e quelle petrolifere. Per queste occorrono ricerche costose e raffinate multidisciplinari che impegnano molti geologi di università e altre strutture di ricerca.

Questo filone delle georisorse impegna scientificamente molti miei colleghi nazionali e stranieri che si vantano, giustamente, di essere consulenti di potenti e ricche società. Molti soldi consentono ricerche avanzate: ben vengano, quindi anche le compagnie petrolifere che finanziano e sostengono in vari modi la ricerca nei settori geologici e geofisici.

I colleghi sono impegnati essenzialmente nella parte “pulita” della ricerca petrolifera: rinvenire i giacimenti! Quasi nessuno si pone il problema di quello che accadrà dopo il ritrovamento dei giacimenti. Non è più compito loro, naturalmente.

E’ compito delle società che devono comportarsi nel rispetto delle leggi per non inquinare in superficie e nel sottosuolo. E’ compito delle istituzioni locali preposte al controllo delle attività al fine di evitare inquinamenti e problemi alla salute.

Ma le georisorse non finiscono qui. Anche il suolo e l’acqua superficiale e sotterranea rappresentano georisorse che sono sempre state utilizzate e lo saranno sempre anche dai cittadini di domani.

Non ci si deve stupire se i cittadini si preoccupano osservando che le attività petrolifere sono invasive, arroganti, inquinanti, non rispettose della conservazione delle risorse idriche, ad esempio. Specialmente nel periodo di cambiamento climatico attuale che vede diminuire le risorse idriche. Chi vive e vivrà sul territorio deve difendere le risorse naturali di importanza strategica per l’assetto socio-economico.

Se le attività petrolifere sono incompatibili, così come si realizzano oggi in Basilicata, con la tutela e conservazione delle risorse idriche e se le leggi hanno “maglie troppo larghe” per un territorio ricco di risorse, fortemente antropizzato e urbanizzato, i cittadini devono “urlarlo” per superare i rumori delle trivelle. Se le leggi attuali hanno maglie incredibilmente troppo larghe o sono smagliate per quanto riguarda la potenza delle azioni antropiche attuali nel sottosuolo anche dove sono presenti faglie attive sismogenetiche, chi deve richiamare l’attenzione e pretendere una maggiore garanzia se non i cittadini che vivono nelle zone “delicate”?

E’ banale ma lo sottolineiamo ugualmente: se i geologi pagati in vario modo vogliono conservare buoni rapporti con coloro che li pagano non possono mai prendere posizione autonoma evidenziando anche tutti i pericoli connessi alle attività petrolifere. Il rischio per le risorse e per la sicurezza dei cittadini! In fin dei conti non è compito loro!

Questi geologi consulenti in vario modo, o aspiranti consulenti, rappresentano quasi tutta la “scienza geologica ufficiale”! Quasi tutta! Allora non si risentano quando salta fuori che vi sono dei problemi per il territorio interessato da interventi vari nel sottosuolo! Interventi talora non ben conosciuti, valutati e controllati trasparentemente da coloro che devono garantire territorio e cittadini. Forse si risentono perchè scoprono che le loro consulenze hanno dato il via ad attività che possono rivelarsi pericolose? Hanno fornito una prestazione mercenaria di alto livello per rinvenire una georisorsa. Punto!

In fin dei conti non è colpa loro quello che accadrà in seguito! Se stanno zitti è meglio: è tutta responsabilità delle compagnie e di chi deve controllarle! Stiano semplicemente zitti! Tengano ben separate le responsabilità! Non credo che siano pagati anche per fare i servi sciocchi!


Plusone Facebook Pinterest Twitter Email
Ricerca petrolifera: il vero contributo dei geologi
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)