Nomofobia, una patologia “tecnologica” Società, Mondo, Salute

Nomofobia, una patologia “tecnologica” 3
Nomofobia, una patologia “tecnologica”
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)
Plusone Facebook Pinterest Twitter Email

nomofobiaIn piena era tecnologica e con la massima facilità di comunicazione che ci fa sentire, apparentemente, tutti meno soli, sembrava che i problemi dell’umanità fossero stati drasticamente ridotti. Ma è soltanto un’illusione: i disagi tipici dell’uomo non si neutralizzano con uno smartphone: anzi, è proprio il “telefono intelligente” all’origine della cosiddetta nomofobia, ossia la paura di rimanere senza questi aggeggi che colmano ore di solitudine e sottraggono la mente da pensieri pericolosi.
L’origine del termine nomofobia spiega di per sé il significato di tale fobia: nella lingua anglosassone significa fobia da “no-mobile”, cioè dal non possedere un telefonino o smartphone, attraverso il quale navigare nel web o tenersi in contatto con gli amici.
Particolarmente inquietante, poi, è uno studio condotto in California, i cui risultati affermano che più di 7 donne e 6 uomini su 10 temono di rimanere “isolati”, privi di quei riferimenti digitali che accompagnano la quotidianità: dalle mail di lavoro alle immagini, dalle agende digitali ai social network.
Le forme in cui la nomofobia si manifesta sono variegate, ma tutte riconducibili al timore di rimanere isolati. C’è chi dopo qualche minuto lontano dallo smartphone inizia a mostrare chiari segni di inquietudine; altri, invece, sentono l’esigenza irrefrenabile di dover postare una foto su Facebook e rispondere al propri amici o followers, a seconda del social network preferito.

La nomofobia è una patologia 2.0 che coinvolge non soltanto gli Stati Uniti e le società occidentali, ma anche tutti quei Paesi in cui la new economy legata alle tecnologie sta lentamente penetrando.

Riguardo alla cura di questo disagio psicologico, sono già presenti delle cliniche che tramite un processo di recupero riabilitano il soggetto a una vita sana, non dipendente dalla realtà virtuale dei dispositivi mobili: anche se si chiamano smartphone, rendono tutti un po’ più stupidi!

Plusone Facebook Pinterest Twitter Email
Nomofobia, una patologia “tecnologica”
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)