Dieci anni senza il Signor G – Giorgio Gaber Cultura, Musica, Società

Giorgio Gaber in una foto di Luigi Ciminaghi
Dieci anni senza il Signor G – Giorgio Gaber
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)
Plusone Facebook Pinterest Twitter Email

Giorgio Gaber in una foto di Luigi CiminaghiMai come in questo particolare contesto storico ci vorrebbe la lucidità di Giorgio Gaber, che già con il suo celebre pezzo Destra Sinistra aveva anticipato i tempi e previsto un futuro sconfusionato.

A gennaio sono dieci anni della scomparsa del Signor G, artista eclettico e amato da tutti. Cantante fuori dalle righe ma perfettamente “dentro” la società italiana, al tal punto da deriderla-analizzarla con scrupolo.

I più giovani forse non hanno mai sentito parlare di Gaber, ma certamente avranno ascoltato le canzoni “scanzonate” dei suoi primi anni di attività, come i testi più impegnati degli ultimi tempi.

Esponente di spicco della cosiddetta “scuola milanese”, gli esordi artistici coincisero con i primi passi della storica etichetta musicale Ricordi, il cui creatore Nanni Ricordi volle Giorgio Gaber per incidere alcuni 45 Giri.

Le prime canzoni, tuttora riproposte dalle radio italiane, vengono canticchiate dai meno giovani come dalle nuove generazioni. La Ballata del Cerruti, Barbera e champagne e altre celebri melodie sono divenute l’icona di un modo di cantare-recitare, tipico di Gaber.

Tra spettacoli teatrali ed “esplorazioni” in altri campi artistici, Giorgio Gaber è rimasto al centro dell’attenzione, fino all’ultimo exploit con due dischi, paragonabili a due testamenti artistici per i posteri di un’Italia bistrattata: La mia generazione ha perso e Io non mi sento italiano. Il primo contenente il già citato pezzo Destra Sinistra, nell’ultimo con l’omonima canzone: una celata dichiarazione d’amore nei confronti del Belpaese.

Giorgio Gaber, se oggi vivesse, si divertirebbe e ci farebbe divertire molto, con la sua graffiante ironia nel raccontare questa eterna insicura Italia!

Plusone Facebook Pinterest Twitter Email
Dieci anni senza il Signor G – Giorgio Gaber
0 votes, 0.00 avg. rating (0% score)